Come effettuare la stima del valore economico di marchi e brevetti

Seguici sui nostri social

Come effettuare la stima del valore economico di marchi e brevetti

Calcolare il valore economico di un marchio o di un brevetto è tutt’altro che facile. In realtà, però, esistono delle tecniche ben precise e soprattutto, è opportuno rivolgersi a un esperto come quello dello studio Salvati di Roma che saprà darvi una mano per indicare il giusto valore di un marchio o di un brevetto. Per avere maggiori informazioni, scopriamo insieme quali sono i metodi per calcolare il valore economico di un brevetto o di un marchio e tutti i passaggi da seguire per avere la valutazione corretta.

I metodi per effettuare la stima del valore di marchi o brevetti

Vi sono diversi metodi che vi permetteranno di avere la valutazione – o meglio – la stima del valore di marchi o di brevetti. Tra i metodi più comunemente utilizzati vi sono il “metodo reddituale”, il “metodo dei costi”, il “metodo del mercato” e il “metodo delle opzioni”. In particolare, il metodo reddituale è quello più diffuso, che si basa sui flussi di reddito previsti che il proprietario del brevetto sarebbe essere in grado di ottenere nel periodo di vita dello stesso. Invece, il metodo dei costi stabilisce il valore del brevetto calcolando il costo che l’impresa ha sopportato per svilupparlo. Infine, vi è il metodo del mercato che invece si basa sul valore di transazioni comparative fatte sul mercato o quelle sull’opzioni (metodo delle opzioni).

Come valutare il valore di marchi e brevetti

Se volete davvero valutare il valore di un marchio o di un brevetto, la cosa migliore è quella di rivolgersi a un esperto come quello dello studio commercialista di Roma Salvati. Vi aiuterà a effettuare questa stima e avere sotto chiave qual è l’effettivo valore del marchio o del brevetto che avete intenzione di registrare. Solo in questo modo, sicuramente non sbaglierete la procedura e sarà un gioco da ragazzi poi, proseguire in questa attività.

Altri articoli del blog

Contattaci!