Bonus idrico 2021: istruzioni per la richiesta

Seguici sui nostri social

Il bonus idrico 2021 è un incentivo che permette di ottenere fino a 1.000 euro di rimborso per le spese di acquisto di servizi igienici e rubinetti, sostenute dal 1° gennaio e fino al 31 dicembre 2021. In pratica, grazie a questo bonus, se si acquistano degli apparecchi per il bagno o per la cucina che garantiscono il risparmio energetico, si ha la possibilità di ottenere un rimborso di quanto speso fino a 1.000 euro. Nelle scorse settimane, il Ministero della transizione energetica ha presentato questo bonus dando anche le istruzioni su come presentare domanda. Puoi richiedere aiuto allo Studio Salvati – commercialista Roma.

A chi spetta il bonus idrico 2021

Il bonus idrico, previsto nell’ambito della legge di Bilancio, è disciplinato dal decreto del Ministero della transizione energetica del 27 settembre 2021. Hanno diritto al bonus idrico i residenti in Italia, ovvero le persone fisiche maggiorenni e senza alcun limite ISEE. La cosa importante, è che questi soggetti siano titolari di diritto di proprietà o di un altro diritto reale della struttura in cui si effettua un acquisto. Nello specifico, inoltre, questo bonus può essere anche richiesto da diritti personali di godimento su determinati edifici, su parti di edifici o sulle singole unità immobiliare.

Come chiedere il bonus idrico 2021

Ad oggi, non è ancora attiva la piattaforma del Ministero della transizione energetica per chiedere il bonus idrico. A breve, come previsto dal Decreto attuativo sarà disponibile. Quando si accede per presentare la domanda bisogna essere muniti di un’identità digitale come lo SPID o una carta d’identità elettronica. Inoltre, bisogna aver effettuato delle spese dimostrabili nel corso dell’anno 2021. Tra le spese ammesse vi sono quelle per acquistare in sostituzione dei vasi sanitari in ceramica che abbiano lo scarico ridotto. La norma prevede che saranno rimborsati 1.000 euro per sostenere degli interventi di sostituzione di apparecchi di rubinetteria sanitaria, come colonne doccia esistenti o soffioni doccia, con nuovi apparecchi che garantiscono la limitazione del flusso d’acqua.

Altri articoli del blog

Contattaci!